Come far dormire il proprio bambino: i consigli

far addormentare i figli

Mettere a nanna il proprio bambino, abituarlo al giusto ritmo sonno/veglia può risultare stressante per i genitori. In materia, diversi esperti hanno pubblicato dei manuali per aiutare mamma e papà in questa ardua impresa: ecco i consigli più utili su come far dormire il proprio bambino.

Seguite il ritmo del neonato e abituatelo al giusto ritmo sonno/veglia

Qualora il bambino nascesse di notte, il primo riposo, come quelli dei giorni successivi, dureranno più del previsto. Al fine di abituarlo al giusto ritmo sonno/veglia, la mamma dovrà fare giorno dopo giorno dei piccoli spostamenti di orario. L’importante è fare queste piccole modifiche con cautela.

seguire ritmo sonno veglia bambino

Non iperstimolarlo di giorno

Un neonato, per essere sereno e avere un sonno tranquillo, ha bisogno di passare del tempo con se stesso, attraverso giochini che lo stimolino. L’importante è che il neonato non venga sballottato da un ambiente all’altro, né che venga iperstimolato attraverso troppe parole o continue proposte di gioco.

pochi stimoli per il bambino

Avere un rituale del sonno sempre uguale

È importante creare un rituale del sonno sempre uguale e che sia anche rassicurante. Per esempio, il rituale può cominciare tra le 18 e le 20 con un bagnetto caldo della durata di circa 20 minuti. In seguito, far indossare al bambino il pigiama e preparare una cena leggera.

rituale sonno sempre uguale

Fatelo dormire insieme a voi fino al primo anno d’età

Qualora la mamma allatti, la cosa migliore è dormire insieme al proprio bambino. In questo modo le fasi del sonno di mamma e bambino si armonizzano, garantendo il riposo migliore per entrambi. Un’alternativa può essere quella di far dormire il bambino in una culla vicino al letto dei genitori.

dormire insieme ai genitori

Se il bambino vi cerca di notte, andate da lui

Il fatto che i neonati si sveglino di notte risulta più che normale e può durare fino ai 5 anni di età. È l’istinto naturale del bambino che di notte cerca la mamma. È fondamentale non ignorare queste richieste del neonato, ma anzi è importante andare incontro ai bisogni del piccolo.

quando il bambino si sveglia di notte

Di giorno deve essere libero di muoversi

La serenità del sonno dipende particolarmente da come il piccolo trascorre la giornata. Durante il giorno il bambino deve essere lasciato libero di muoversi; al contrario, risulta inefficiente tenere tutto il giorno il bambino sulla sdraietta, in un seggiolone o in un ovetto.

il bambino deve essere libero di muoversi

Lasciate giocare da solo il bambino

Se i genitori interagiscono di continuo con il piccolo durante i momenti di gioco, egli non vive al massimo la propria esperienza di gioco. Il gioco, l’esplorazione e il mettersi alle prove, sono tutte esperienze che contribuiscono a rendere un bambino indipendente.

il bambino deve poter giocare da solo

Non dategli il ciuccio appena piange

Appena il bambino piange, i genitori intervengono presi dal timore che il piccolo possa non stare bene. Offrire subito il ciuccio significa dare una risposta univoca a un malessere del piccolo. Piuttosto che reagire così, meglio abbracciare il bambino, facendolo sentire al sicuro.

non dare sempre il ciuccio al bambino

Per farvi ascoltare siate gentili ma decisi

Risulta utile, per creare un giusto ritmo del sonno, essere gentili ma decisi nei confronti dei propri figli. Avere modi garbati ma fermi, senza possibilità di scelta, dà pace al bambino e lo fa sentire al sicuro. Per il bambino è importante avere un binario sicuro da seguire.

i genitori devono essere gentili ma decisi

Se si sveglia per un brutto sogno, l’indomani rassicuratelo

Se il bambino si sveglia di notte per un brutto sogno, stategli vicino, in silenzio, facendolo sentire al sicuro. L’indomani mattina può essere utile raccontare al figlio di aver avuto un incubo, in modo che egli non si senta spaesato.

cosa fare se il bambino ha un incubo

Potrebbe interessarti anche